buzzoole code

Titolo: Il Demone di Praga

Autore: Giuseppe M. Todaro

Casa Editrice: Lettere Animate Editore

Genere: Thriller Fantasy

Pagine: 177

Formato: Cartaceo/ eBook

“Non dovrai più temere la morte, ma dovrai temere la vita, perché sarà eternamente dannata.”

Recensione

Eccomi Booklovers,

pronta a recensire Il Demone di Praga, il romanzo d’esordio di un giovane autore, Giuseppe M. Todaro, pubblicato da Lettere Animate Edizioni.

Benché l’opera prima di Todaro faccia parte della collana #Thriller della Casa Editrice, mi ha sorpreso riscontrare al suo interno una forte componente fantasy, che non mi è dispiaciuta affatto!

Il libro racconta la storia del Signor Brahe, un misterioso uomo che invita l’ereditiera Hanna nella sua dimora per proporle un patto: se trascorrerà 24 ore in sua compagnia e ascolterà la sua storia, lui le ridarà l’azienda del padre, rilevata dopo il dichiarato fallimento.

Inizia così il racconto della travagliata (e secolare) vita del Demone di Praga: sin dalla trasformazione, riviviamo insieme a lui la sofferenza per la perdita delle persone amate, la dannazione dell’immortalità, la sete di sangue e di vendetta che ciclicamente lo tormenta, fino all’inatteso finale.

La scrittura dell’autore è chiara e lineare e alcune descrizioni sono davvero intense, portando il lettore quasi a vivere le scene descritte. E se i personaggi secondari non godono di una caratterizzazione psicologica molto profonda, il protagonista è interessante e complesso, dilaniato da una forte lotta interiore tra bene e male, tra il desiderio di essere di nuovo umano e l’esigenza incontrollabile di continuare a seguire il suo istinto.

Mi ha colpito molto la comparsa qua e là di alcune importanti figure storiche o culturali, mentre ho apprezzato meno il finale, che è a sorpresa – come ci si aspetta da un thriller – ma lascia un po’ l’amaro in bocca e una sensazione di incertezza e di incompiutezza.

Consigliato a chi vuole avvicinarsi al genere thriller senza scontrarsi subito con l’altissima tensione!

Buona lettura,

Marilena’s Journal

Write A Comment