Tag

narrativa

Browsing

Titolo: Nessuna parola dice di noi Autrice: Gaia Manzini Casa Editrice: Bompiani Genere: Narrativa Pagine: 220 “Se racconti qualcosa, se trovi le parole giuste e le condividi, quel qualcosa esiste” Ada ha ventisei anni, a diciassette ha messo al mondo Claudia, la cui educazione e crescita ha totalmente delegato ai nonni, i genitori di Ada, genitori che hanno permesso alla ragazza di continuare a studiare, e realizzarsi lavorativamente, crescendo Claudia nel miglior modo possibile. Ada incontra Alessio, collega omosessuale, di cui si innamora, o quanto meno, crede di esserlo. Crede anche di essere cresciuta troppo in fretta, e di non essere mai stata giovane, ma a mio parere Ada non è cresciuta mai. La figura di Ada non può essere indifferente al lettore. O si è con lei o contro di lei! Personalmente, ho letto questo romanzo nella speranza di vederla fallire. Dalla prima pagina ho avvertito una sorta…

Titolo: La lettera Autrice: Kathryn  Huges Casa editrice: Nord Genere: Narrativa Pagine: 348 Si sentì un po’ ridicola, ma all’improvviso le sue dita incontrarono qualcosa che sembrava carta e il suo cuore ebbe un sussulto […] Non era una banconota da 50 sterline, ma una vecchia busta ingiallita. La lettera di Kathryn  Huges racconta la storia di Tina, una giovane donna, sposata con un uomo alcolizzato e violento, di cui è innamorata. Lavora in un negozio di abiti usati, per beneficenza. Un giorno, nella tasca di una vecchia giacca da uomo, trova una lettera ingiallita, risalente al 1939, che nonostante avesse il francobollo, non è mai stata spedita. La destinataria è Chrissie e Billy è l’uomo che l’ha scritta. La lettera è una supplica di perdono per salvare il loro amore e crescere insieme il loro bambino. Tina inizia ad inseguire il sogno di trovare la destinataria della…

Titolo: Semafori rossi Autrice: Gianna Radiconcini Casa Editrice: La Lepre edizioni Genere: Narrativa italiana Pagine: 180 “La constatazione non mi creò la disperazione temuta, già provata dopo precedenti fratture. Evitai anche l’ossessione dei semafori rossi.” Semafori rossi, di Gianna Radiconcini, è uno spaccato di vita dell’Italia, ma soprattutto della condizione della donna italiana negli anni ‘50, nel periodo post bellico, quando una ragazza che a diciassette anni si era dedicata alla “causa”, rischiando la propria vita facendo la staffetta partigiana, si ritrova in un’Italia diversa da quella per cui ha lottato, che la piega ai “valori classici” della famiglia e del matrimonio. Ma proprio quando lei questa nuova vita se la cuce addosso su misura, suo marito, fedifrago, la tradisce e la costringe ad un’esistenza da donna abbandonata. Le restano però ancora i suoi figli e  il suo lavoro di giornalista, al quale Anna non ha mai voluto rinunciare proprio per…

Titolo: Insegnami la tempesta Autrice: Emanuela Canepa Casa editrice: Einaudi Genere: Narrativa italiana Pagine: 238 “Lentamente si calmò. Aveva infiniti timori riguardo a Matilde, e ogni nuova giornata piantava un chiodo sul muro della sua paura, ma era quasi certa che questo davvero non fosse possibile. Era stata la sfida a spingere Matilde fino a lì, nient’altro. La provocazione.” Insegnami la tempesta è l’ultimo lavoro di Emanuela Canepa edito Einaudi. La protagonista del romanzo è Emma, una donna di circa quarant’anni, madre di Matilde, una ragazza di diciotto anni e moglie di Fausto, che non è il padre naturale di sua figlia e al quale è legata probabilmente per pura riconoscenza. Il rapporto familiare è inclinato dalla gelosia che Emma prova nei confronti della figlia che mostra molta più affettuosità verso Fausto che per sua madre. Matilde è molto determinata e desiderosa di autonomia e Fausto la asseconda in…

Titolo: La tentazione di essere felici Autore: Lorenzo Marone Casa Editrice: TEA Genere: Narrativa italiana Pagine: 264 Recensione “Si crede di non aver bisogno di nessuno, finché ci si accorge di non avere più nessuno”. La tentazione di essere felici, il romanzo di Lorenzo Marone, ha come protagonista Cesare Annunziata, un “vecchio” napoletano di settantasette anni, vedovo, padre di due figli adulti, Sveva e Dante; con la prima figlia, il vecchio rompiscatole ha continui battibecchi, verso il secondo figlio, prova invece un profondo rancore, perché lo accusa di averlo tenuto all’oscuro  della sua omosessualità, diversamente dal resto della famiglia, che d’altra parte Cesare aveva sempre supposto. Questa querelle familiare gli fa porre in discussione il suo ruolo di padre. Marone ci narra una cronaca familiare e di quartiere. Cesare Annunziata ha un caratteraccio, è burbero ed egoista  ed ha vissuto tutta la vita cercando di non perdersene nemmeno un attimo,…

Titolo: Magari domani resto Autore: Lorenzo Marone Casa editrice: Feltrinelli editore Genere: Narrativa Pagine: 314 Magari domani resto, il romanzo di Lorenzo Marone edito Feltrinelli editore, racconta una storia ambientata a Napoli, la Napoli dei Quartieri Spagnoli, la Napoli che arranca ma che non si arrende, che combatte per le proprie idee, la Napoli che i sentimenti ce li ha che le pulsano in petto fino a farle scoppiare il cuore. In questo caso il cuore è quello di Luce Di Notte, una giovane avvocatessa trentenne con una famiglia scombinata alle spalle o per meglio dire “sulle spalle”, in quanto il padre è scappato di casa senza un apparente perché e Luce si occupa e si preoccupa della madre a del fratello minore. Luce lavora nell’ufficio di un avvocato “azzeccagarbugli” che la coinvolge suo malgrado in una complicata causa di affidamento di un bambino, Kevin, figlio di un camorrista, al…

Titolo: Lacci Autore: Domenico Starnone Casa Editrice: Einaudi Genere: Narrativa Pagine: 134 Recensione Buonasera booklovers! Lacci, il romanzo di Domenico Starnone, edito Einaudi, con il suo incipit duro e deciso spalanca al lettore immediatamente una porta sulla vita di Aldo, Vanda e i loro figli Sandro e Anna. “Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie.” Con queste penetranti e dirette parole, Vanda affronta suo marito Aldo con una lettera, dopo l’abbandono da parte dell’uomo della casa dove viveva con i loro due figli. Aldo, in preda ad una crisi “esistenziale” abbinata ad una forte componente infantile da sindrome di Peter Pan, decide che ciò che ha non lo soddisfa più, che si sente “in trappola” e decide di liberarsi dalle catene della famiglia, sacrificando così la serenità di sua moglie e dei suoi figli. Aldo, tipico esempio di maschio adulto, infantile ed…